Filmografia

INDOVINA CHI VIENE A CENA?   

Kramer S., USA, 1967,108’    

Direttore di giornale, americano progressista a 18 carati, entra in crisi quando la figlia gli annuncia che vuole sposare un medico nero

 

PANE E CIOCCOLATA  

Brusati F., Italia, 1973,110’    

Nino è un emigrato che vive e lavora in Svizzera. Accidentalmente smarrisce il permesso di soggiorno. Da qui una serie di avventure per non perdere il lavoro e non essere rispedito in Italia…

 

FA LA COSA GIUSTA  

Lee S., USA, 1989, 114′

Il film racconta di diversità del colore della pelle, di culture che si vogliono uniche ed inimitabili, di incomprensioni che corrono dritto in faccia alla violenza

 

MISSISIPPI BURNING – LE RADICI DELL’ODIO 

Parker A., USA, 1989, 128′

Il 21/6/1964 tre giovani attivisti dei diritti civili furono assassinati e sepolti vicino a Philadelphia (Mississippi). Due agenti FBI identificanoi colpevoli, condannati poi fino a dieci anni di carcere. Film di denuncia sul razzismo negli stati del Sud.

 

GREEN CARD- MATRIONIO DI CONVENIENZA 

Weir P., USA / Australia / Francia, 1990, 103′

George Faure è un francese a cui viene offerto un lavoro negli Stati Uniti; Brontë Parrish è una orticoltrice. Inizialmente i due si sposano per una pura convenienza, poiché George ha bisogno della green card per poter iniziare il suo lavoro, mentre Bronte desidera un appartamento (con una serra) che può essere affittato solo a coppie sposate. Andati ad abitare nella nuova casa, i due iniziano a comportarsi come una coppia sposata per ingannare gli ispettori dell’Immigrazione, che indagano sulla legittimità del loro matrimonio. Nel corso delle loro peripezie, finiscono per innamorarsi.”

 

MALCOM X  

Lee S., ,USA, 1992, 202′

La biografia del leader nero Malcom x: dalla giovinezza passata tra fruti e truffe, alla prigione, alla conversione all’Islam, fino alla morte, avvenuta ad opera della CIA nel 1965.

 

L’ODIO

Kassovitz M., Francia, 1995, 95′

Durante un interrogatorio, causa della guerriglia urbana della notte precedente, un ispettore ferisce a morte un giovane. Quando si sparge la notizia tra i ragazzi della periferia, si diffonde l’odio e la voglia di vendicarsi.

 

EAST IS EAST

O’Donnel D., UK/Germania, 1996, 100′

“Siamo nei rivoluzionari anni ’70. George Khan è un pakistano orgoglioso delle sue origini che vive nel sobborgo londinese di Salford. Il suo più grande desiderio è quello che i suoi sette figli seguano le tradizioni del suo paese d’origine, ma loro sono del parere che ognuno debba scegliere da solo come vivere la proprio vita, e presto cominciano ad opporsi alle piccole tirannie del padre.”

COSì RIDEVANO

G. AMELIO, ITALIA, 1998

A essere messo in scena è il dramma dell’emigrazione, del desiderio di riscatto, della difficile integrazione sociale e della convivenza tra povertà e benessere nell’Italia in ascesa nel boom annunciato.

 

IL MIO GROSSO GRASSO MATRIMONIO GRECO        

Zwick J., USA, 2001, 95′      

Toula ha 30 anni, è nubile ma soprattutto è greca e tale deve restare. Quando si innamora di un professore che però non è grefo, dovrà mettercela tutta affinchè venga accettato in famiglia.

 

SOGNANDO BECKHAM  

Chandha G., UK/Germania, 2002, 112′

Jess gioca a calcio e sogna di diventare famosa come David Beckham, ma è una ragazza indiana e i suoi genitori hanno tutt’altri progetti per lei.

 

RESPIRO 

Crialese E., Italia, 2002, 95′

“Grazia è la moglie di uno dei tanti pescatori di Lampedusa, ma non si è mai adattata alla piccola, monotona vita dell’isola: fa il bagno nuda, canta a squarciagola le canzoni di Patty Pravo, e spesso si chiude nei suoi silenzi che solo uno dei figli, Pasquale, si sforza di capire. Gli “”altri”", quelli normali, vorrebbero convincere il marito a farla vedere da uno psichiatra, ma lei preferirebbe morire. La storia è quasi inesistente, fatta più che altro di singole inquadrature che tendono a “”fotografare”" l’opprimente realtà dell’isola. Valeria Golino presta alla protagonista l’infinita tristezza del suo sguardo perennemente altrove.”

 

MONSIEUR IBRAHIM E I FIORI DEL CORANO

Dupeyron F., Francia, 2003, 94′

Nella Parigi degli anni ’60 un viaggio meraviglioso oltre il tempo e lo spazio. Ibrahim, un turco musulmano di confessione sufi emigrato in Francia, ha un piccolo emporio nel quartiere ebraico. Momo, 12 anni, è un suo cliente abituale. Fra i due si instaura presto un rapporto di profonda amicizia ed il confronto delle loro generazioni, culture e religioni diventa insegnamento e apprendimento per entrambi.

 

NUOVOMONDO 

Crialese E., Italia, 2006,114′

Inizi del Novecento, Sicilia. Una decisione cambierà la vita di una famiglia intera: scegliere di lasciarsi il passato alle spalle e iniziare una vita nuova nel Nuovo Mondo…

 

14 KILOMETROS

Olivares G., Spagna, 2007, 95′

La giovanissima Violeta decide di scappare da un villaggio del Mali per evitare il matrimonio combinato dalla famiglia con un vecchio. Il giovane giocatore Buba, che per vivere da il meccanico, decide insieme al fratello di lasciare il Niger per tentare la sorte in Europa, “dove nessuno muore di fame”. I tre ragazzi s’incontrano durante il viaggio che li deve condurre verso il Marocco. E’ l’inizio di una durissima odissea…

 

IL CACCIATORE DI AQUILONI       

Forster M., USA, 2007, 122′

Dalla California, Amir fa ritorno in Afghanistan per aiutare il suo amico Hassan, il cui figlio è nei guai. Per Amir questo viaggio è l’occasione per tornare ai tempi della sua infanzia e della sua profonda amicizia con Hassan sullo sfondo delle vicende storiche del suo paese in guerra

 

PERSEPOLIS

Satrapi M., Francia, 2007, 95′

Teheran,  1978:  Marjane,  otto  anni,  educata  da  genitori  moderni  e particolarmente  legata  a  sua  nonna,  segue  con  trepidazione  gli avvenimenti  che  porteranno  alla  Rivoluzione  e  provocheranno  la caduta dello Scià. Con l’instaurazione della Repubblica islamica inizia il periodo dei “pasdaran” che controllano i comportamenti e i costumi dei cittadini. Marjane, che deve portare il velo, diventa rivoluzionaria. La  guerra  contro  l’Iraq  provoca  bombardamenti,  privazioni  e  la sparizione di parenti. La repressione interna diventa ogni giorno più dura e i genitori di Marjane decidono di mandarla a studiare in Europa per  proteggerla.  Qui  Marjane  vive  a  14  anni  la  sua  seconda “rivoluzione”:  l’adolescenza,  la libertà,  l’amore  ma anche  l’esilio,  la solitudine, la diversità.

 

MAR NERO 

Bondi F., Italia/Francia/Romania, 2008, 95′        

Due donne costrette a vivere assieme: Gemma è un’anziana, suo figlio è lontano. Angela è una giovane rumena, la sua badante. Entrambe sole, inizialmente diffidenti, giorno dopo giorno di aprono l’una all’altra. Quando il marito di Angela, rimasto in Romania, scompare, Gemma decide di partire con la giovane alla sua ricerca…

 

GRAN TORINO

Eastwood C., USA, 2008, 116′

Walt Kowalski è un veterano della guerra in Corea e non sopporta di avere nell’abitazione a fianco una famiglia di asiatici di etnia Hmong. Ma un giorno…

 

MACHAN

Pasolini U., Italia/Sri Lanka/Germania, 2008, 108′    

Manoj e Stanley, due giovani che vivono alla periferia di Colombo nello Sri Lanka, leggono un annuncio che invita la loro nazionale di pallamano ad un torneo in Germania. I due ragazzi pensano che questa sia l’occasione giusta per espatriare e decidono di creare dal nulla la squadra. Il loro piano è quello di scappare una volta arrivati in Europa.

 

GIU’ AL NORD

Boon D., Francia, 2008, 106′

Philippe Abrams è il direttore dell’ufficio postale di Salon-de-Provence. E’ sposato con Julie, donna soggetta alla depressione che gli rende la vita impossibile. Per farle piacere e per farsi trasferire in Costa Azzurra, Philippe tenta un inghippo ma viene scoperto e trasferito a Bergues, una cittadina del Nord del paese. Per gli Abrams, sudisti accaniti pieni di pregiudizi, il Nord è l’inferno: una regione perennemente ghiacciata, abitata da persone rudi che parlano un dialetto incomprensibile, lo Ch’tis.

 

TEZA

H. GERIMA, ETIOPIA/GERMANIA, 2008

Anberbe, un uomo che da giovane ha lasciato il suo paese natale per trasferirsi in Germania a studiare medicina, fa il suo ritorno in Etiopia. Ha vissuto gli anni ‘70, si è appassionato di politica ed è diventato attivista, e da lì il suo percorso è stato soprattutto ideologico e politico. Fino al ritorno a casa, dove la situazione di dittatura di Mengistu ha sfigurato il ricordo di fanciullo che aveva della sua patria: i segni che si porta addosso sono una gamba mutilata e tanti fantasmi che lo tormentano…

 

WELCOME

Lioret P., Francia, 2009, 110′

Bilal, iracheno di 17 anni, clandestino a Calais per raggiungere la sua ragazza emigrata in Gran Bretagna. Convince Simon, istruttore di nuoto in una piscina comunale, in crisi per la recente separazione della moglie, ad allenarlo per attraversare la Manica a nuoto…

 

VERSO L’EDEN

Costa Gravas C., Grecia/Francia/Italia, 2009, 111′

Immigrato clandestino attraversa l’Europa dal Mar Egeo a Parigi nella speranza di un futuro migliore.

 

GOOD MORNING AMAN

C. NOCE, ITALIA, 2009, 105′

Aman è un adolescente di origine somala, scappato da Mogadiscio e scampato alla guerra. Brillante e zelante lava le macchine in un salone d’auto, sperando di poterle presto vendere o addirittura guidare. Quando i giorni sono più bui e la Stazione Termini non è più abbastanza grande per contenere i suoi sogni, Aman sale sulle terrazze dell’Esquilino, immaginando una vita perfetta e un viaggio in Inghilterra

 

BENVENUTI AL SUD

Miniero L., Italia, 2010, 102′

Alberto, responsabile dell’ufficio postale di una cittadina della Brianza, sotto pressione della moglie Silvia, è disposto a tutto pur di ottenere il trasferimento a Milano. Anche fingersi invalido per salire in graduatoria. Ma il trucchetto non funziona e per punizione viene trasferito in un paesino della Campania, il che per un abitante del nord equivale a un vero e proprio incubo. Rivestito di pregiudizi, Alberto parte da solo alla volta di quella che ritiene la terra della camorra, dei rifiuti per le strade e dei “terroni” scansafatiche. Con sua immensa sorpresa, Alberto scoprirà invece un luogo affascinante, dei colleghi affettuosi, una popolazione ospitale e un nuovo e grande amico, il postino Mattia, al quale darà una mano per riconquistare il cuore della bella Maria. Il problema ora però è un altro: come dirlo a Silvia? Già, perché da quando è partito, non solo il loro rapporto sembra rifiorito, ma agli occhi dei vecchi amici del nord Alberto è divenuto un vero e proprio eroe.

 

IL SANGUE VERDE

Segre A., Italia, 2010, 63′

Gennaio 2010, Rosarno, Calabria. Le manifestazioni di rabbia degli immigrati mettono a nudo le condizioni di degrado e ingiustizia in cui vivono quotidianamente migliaia di braccianti africani, sfruttati da un’economia fortemente influenzata dal potere mafioso della ‘ndrangheta. Per un momento l’italia si accorge di loro, ne ha paura, reagisce con violenza, e in poche ore Rosarno viene “sgomberata” e il problema “risolto”. Ma i volti e le storie dei protagonisti degli scontri di Rosarno dicono che non è così. Scovarle e dare loro voce è oggi forse l’unica via per restituire al paese la propria memoria: quella di quei di giorni di violenza e quella del proprio recente quanto rimosso passato di miseria rurale.

 

IL VOLO

W. WENDERS, ITALIA, 2010, 32′

Dall’incontro tra Wim Wenders e un bambino afgano nasce Il volo, un film in 3D, che racconta un luogo dove l’accoglienza è una possibilità concreta: a Riace e Caulonia. Il grande regista tedesco compie un viaggio nella Calabria che ha aperto le proprie case ai profughi di tutto il mondo.

 

VIAGGIO A KANDAHAR

M. MAKHMALBAF, FRANCIA/IRAN, 2010, 90′

Una giovane donna afgana, emigrata da tempo in Canada, tenta di rientrare in patria attraverso l’Iran per raggiungere la sorella priva di gambe che ha deciso di suicidarsi allo scadere di tre giorni. Inizia cosi’ un viaggio attraverso la cancellazione dell’immagine stessa delle donne, oltre a quella del loro ruolo sociale.

 

COSE DELL’ALTRO MONDO

Patierno F., Italia, 2011, 90′

Mettiamo una bella, civile e laboriosa città del Nord Est. Mettiamo che questa città abbia una percentuale alta di lavoratori immigrati, tutti in regola e ben inseriti. E mettiamo, per esempio, che un buontempone d’industriale si diverta a mettere quotidianamente in scena un teatrino razzista: iperbole, giochi di parole, battute sarcastiche, tutte, ma proprio tutte, così politicamente scorrette da risultare esilaranti. Mettiamo che un giorno il teatrino si faccia realtà, che gli immigrati, invitati a sloggiare, tolgano il disturbo. Per sempre… “Cose dell’altro mondo” esplora questo paradosso, con lo stesso linguaggio politicamente scorretto del suo protagonista: ironia in luogo della drammaticità, imbarazzo al posto dell’ideologia, tenerezza dove si vorrebbe conforto sociologico.

 

TERRAFERMA          

Crialese E., Italia, 2011, 88′

La vita di una famiglia isolana viene sconvolta dall’arrivo di un barcone di clandestini. Ernesto, 70 anni, salva alcuni uomini in mezzo al mare e violando le leggi sull’immigrazione nasconde in casa della nuora una donna incinta e il suo bambino…

 

ALMANYA. LA MIA FAMIGLIA VA IN GERMANIA

Samdereli Y., Germania, 2011, 97′

La famiglia Yilmaz è emigrata in Germania dalla Turchia negli anni ’60 Ora il patriarca ha realizzato il sogno di comprare una casa in Turchia e si fa accompagnare da figli e nipoti per risistemarla. La famiglia al completo si mette in viaggio e alle nuove avventure nella terra d’origine si intrecciano i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania.

 

BENVENUTI AL NORD

Miniero L., Italia, 2011, 110′

Alberto e Mattia sono in crisi con le rispettive mogli, Silvia e Maria. Silvia si è trasferita a Milano dalla Brianza, ma detesta lo smog e il caos della metropoli e decide di prendere una seconda casa in montagna per i weekend. Alberto però non può seguirla perché è coinvolto in un progetto delle Poste chiamato Erpes (acronimo di “energia, rapidità, puntualità, efficienza, sorriso”), messo a punto da Palmisan. Mattia, dal canto suo, si mostra ancora immaturo e succube della madre. Per questo Maria, con la quale ha avuto anche un figlio, il piccolo Edinson, lo lascia. Dopo inutili tentativi per riconquistarla, Mattia, suo malgrado, finisce al Nord, affidato dagli amici alle cure di Alberto.

 

VITA DI PI

ANG LEE, USA, 2012

l giovane Pi Patel è cresciuto con la famiglia a contatto con lo zoo paterno, mescolando fin dall’infanzia sogno e realtà. Quando il padre ha esigenze di denaro e sceglie di trasferirsi in Canada per vendere lo zoo, Pi ancora non può intuire cosa lo attenderà nelle vastità oceaniche.

 

STA PER PIOVERE

H. RASHID, ITALIA, 2013

Said, un giovane sicuro ed ambizioso, nato e cresciuto in Italia da genitori algerini, studia e lavora come panettiere part-time. A seguito del suicidio del direttore della fabbrica in cui lavora Hamid, suo padre, la famiglia si trova di fronte alla lacerante realtà di non poter rinnovare il permesso di soggiorno, come fa puntualmente da trent’anni, e riceve un decreto di espulsione.